Quando il dovere chiama

di Nelv


Il nostro sta ancora decidendo cosa scegliere. Nel frattempo, i principali risultati sono, non necessariamente in quest’ordine di gravità:

1) sonno in quantità irrisorie;
2) vita sociale ridotta – e neanche sempre – alle sole ore pasti;
3)  lo studio invece tutto bene, domani arrivano i mobili e meno male che la carta da parati è già a posto.

Parlando d’altro, in vista del compitino di domani all’impegno nel ripasso si sostituiscono da diversi giorni ben altre attività, di ben altro spessore intellettuale: si impanano fragole, si scrivono poesie in cui le ragazze – in sgargianti voli pindarici – sono comparate allo sgradevole cibo della mensa, si pensa a cosa si farà in caso di 30 e lode, assicurandosi nel contempo che l’eventualità non abbia luogo (se non per intervento divino).
Fine degli aggiornamenti. 
Anzi no, ancora una cosa: doveva venire la fidanzata di Nicolaj, ma alla fine non si capisce bene; diremo solo che è una tipa talmente all’avanguardia che, anziché dire che ha il mal di testa, dice che ha la stomatite. Son finezze, nevvero?
Annunci