Pipistrelli

di Nelv


È stata una settimana piena di Batman: stasera è andato in onda su Italia1 Il Cavaliere Oscuro, e qualche giorno fa ho visto l’ultimo uscito al cinema.
Come insegna la Donnola (ma non starò qui a riportare le sue riflessioni su Topolino), film e fumetti famosi nascondono spesso visioni, immagini, filosofie, a volerle cercare: e così mi sono messo a speculare sui messaggi che il regista voleva passare sottobanco.

La mia prima impressione – di avere davanti, cioè, un film per così dire conservatore – è stata subito confermata confrontandomi con qualche amico: i film cantano proprio “la sicurezza, la disciplina” criticate da De André nella Canzone del Maggio, e uno dei messaggi che emerge prepotentemente a visione conclusa è che senz’altro i soldi sono un superpotere.

Nel film con Joker, il cattivo è ispirato un po’ dal personaggio delle Memorie del sottosuolo, un disperato portatore di entropia senza un perché; agli amici letterati, che forse poco hanno chiaro il concetto di entropia, direi che ricorda un po’ l’incendiario di Palazzeschi, che corre “a riscaldare / la gelida carcassa / di questo vecchio mondo”. Insomma, un oppositore dell’ordine reso pazzo dal sistema: ma stavolta, curiosamente, il suddetto sistema non viene criticato, e il pazzo si prende tutte le colpe.
Anche nell’altro film l’antagonista è un anarchico e Batman è il consueto difensore dell’ordine costituito. I personaggi, mi pare, si trasformano troppo rapidamente in concetti, e la vittoria di un personaggio su un altro, l’attribuzione dello status di buono ad un personaggio piuttosto che ad un altro, rende buono anche il concetto trasportato; ma le persone non sono concetti, le persone sono persone. Rimane una tecnica retorica affascinante.

Passiamo a commenti più frivoli.

Guardare l’ultimo Batman può essere un’esperienza un po’ stressante: le sale del cinema sono naturalmente equipaggiate con un sistema surround, e così sembra di essere immersi nelle numerose sparatorie; tuttavia sappiamo tutti quali accadimenti ci sono stati per questo particolare film, e diciamo che non sarei stato stupito di vedere qualche folle emulare le gesta del folle di Aurora. Sì, mentre ero lì seduto sulla poltroncina le sparatorie mi son sembrate eterne.
Del Batman precedente viene spesso citato il discorso del buon maggiordomo Alfred a proposito di Joker:

Certi uomini non cercano qualcosa di logico, come i soldi. Non si possono né comprare né dominare, non ci si ragiona né ci si tratta. Certi uomini vogliono solo veder bruciare il mondo.

L’ultima frase – some men just want to watch the world burn – è diventata abbastanza famosa in giro per il web, e cercarla su google immagini garantisce qualche risata.

Complice la mia passione per le arance, la mia preferita finora è questa:

Some men...

Altre immagini notevoli: 1, 2 (ricorda un po’ il modo di tagliare la pizza dell’Originale), 3.

Annunci